Vaiano

Al via a Vaiano “VAI.sicuro”, il processo partecipativo sui percorsi casa-scuola

Dal blog di fabriziaprota

Venerdì 16 febbraio il primo incontro con la cittadinanza per lavorare insieme sul piano della mobilità urbana. Il sindaco Bosi: «Coinvolgeremo famiglie, insegnanti e mondo della scuola»

Il sindaco di Vaiano Primo Bosi

VAIANO. Un progetto di pianificazione della mobilità urbana connesso a un piano degli spostamenti casa-scuola condiviso con i cittadini. É “VAI.sicuro”, il processo partecipativo promosso dal Comune di Vaiano con l’obiettivo di rendere il più sicuro possibile il percorso quotidiano dei bambini e dei ragazzi che escono di casa per andare a scuola e delle loro famiglie.

«La sicurezza e la sostenibilità degli spostamenti casa-scuola è una priorità – spiega il sindaco Primo Bosi –, ma il piano dobbiamo costruirlo insieme ai cittadini e alle imprese, attraverso un percorso a cui spero partecipino in tanti. Partiamo il 16 febbraio con il primo incontro-laboratorio. Ne seguiranno molti altri che coinvolgeranno famiglie, insegnanti e mondo della scuola».

Il progetto del Comune è inserito nella cornice del Piano urbano della mobilità sostenibile e finanziato dall’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione. Prevede una pianificazione della mobilità urbana in stretta correlazione con il piano degli spostamenti casa-scuola e con la promozione di politiche energetiche che consentano la riduzione dei costi e degli impatti in un evoluto contesto di sostenibilità ambientale. L’appuntamento con l’evento di presentazione è dunque per venerdì 16 febbraio alle 18.30 nella sede del Comune di Vaiano. Oltre al sindaco ci saranno i professionisti della società Simurg Ricerche, incaricati di gestire il percorso partecipativo. A loro il compito di spiegare le modalità di lavoro e illustrare le principali tappe che nelle prossime settimane coinvolgeranno i cittadini e il mondo della scuola con laboratori gestiti da facilitatori esperti.

Sul tavolo dell’incontro temi quali il trasporto pubblico locale – treno, bike, car sharing, car pooling – e la logistica urbana. L’obiettivo immediato è raccogliere le principali problematiche sulla mobilità e avviare un confronto su soluzioni condivise tra amministrazione e cittadinanza.