Vaiano

Scuola materna Sofignano: i lavori slittano di 50 giorni

Contributo di agratialessandra

La denuncia della lista civica I vaianesi che ha presentato un' interrogazione in consiglio comunale, inoltre la giunta ha deliberato una spesa di 51.480 Iva compresa in aggiunta ai 234.558 già investiti per coprire la spesa di lavori non previsti dal progetto esecutivo

Una fase dei lavori alla scuola dell' infanzia di Sofignano

VAIANO. ll gruppo consiliare Vaianesi ha presentato e discusso nel consiglio comunale di ieri sera, 13 aprile, un’interrogazione sullo stato dei lavori alla scuola dell’ infanzia di Sofignano dopo i tanti disagi che bambini e famiglie hanno dovuto sopportare dal rientro a scuola dopo Pasqua in poi.

“La nostra intenzione – spiega il capogruppo Matteo Grazzini – è di capire perché e per decisione di chi i bambini fossero stati fatti rientrare a scuola nonostante il cantiere aperto e la presenza di polvere e detriti pericolosi per alunni, insegnanti e per tutto il corpo scolastico. Pur apprezzando l’onestà e il coraggio del sindaco Bosi, che si è assunto in toto la responsabilità di decisioni frettolose, intempestive e sbagliate dal punto di vista della tempistica, riteniamo che ci siano ancora molte zone d’ombra nella vicenda della scuola”.Il gruppo consiliare ha richiesto il 27 febbraio la convocazione della commissione lavori pubblici alla scuola per vedere dal vivo i lavori, dopo la segnalazione da parte di qualche genitore di alcuni possibili errori nella realizzazione della nuova stanza esterna allo storico edificio. “Non avendo competenze dirette – continua Grazzini – ci siamo affidati alla commissione, che però è stata convocata per il 24 marzo, quando ormai gran parte del lavoro era stato ultimato ed i possibili errori coperti. Poco male, se è vero che fummo rassicurati da tutti (sindaco, assessore Marchi, direttore dei lavori…) che tutto era stato fatto a regola d’arte e nel pieno rispetto di leggi e progetto”.

Ma la pubblicazione delle delibere di giunta sull’albo pretorio del Comune ha aperto una porta nuova: il 18 marzo (tre settimane dopo la nostra richiesta di commissione e una prima dello svolgimento della stessa) la giunta ha deliberato una spesa di 51.480 Iva compresa in aggiunta ai 234.558 già investiti perché “Durante l’esecuzione dell’opera il direttore dei lavori Patrizio Bessi, di concerto con il responsabile unico del procedimento, ha accertato l’esigenza di eseguire alcune ulteriori lavorazioni non prevedibili al momento della redazione del progetto esecutivo” e cioè “L’utilizzo di una diversa tipologia di legno per la struttura dell’edificio in ampliamento… la sostituzione di n.4 infissi al piano primo della porzione di scuola esistente in corrispondenza del colmo del tetto della nuova struttura, la sostituzione dei sanitari previsti dal capitolato con modelli idonei ai bambini”.

La deduzione dell’ opposizione è che nel progetto esecutivo è stato scelto un legno non buono e, soprattutto, che per fare i bagni di una scuola materna, dove vanno bambini dai 3 ei 6 anni, erano stati messi a capitolato di spesa dei sanitari per adulti. Nella delibera si legeg anche che “Per l’esecuzione delle opere suppletive si è reso necessario il concordamento con l’impresa di nuovi prezzi, nonché il prolungamento dei termini contrattuali di giorni 50”, ovvero un altro mese e mezzo in più per terminare lavori che sarebbero dovuti iniziare nel giugno 2015 appena finita la scuola e che invece, iniziati ad ottobre, termineranno a giugno 2016 o poco prima.

“Rinnoviamo – conclude Grazzini – alla giunta, al sindaco Bosi, all’assessore Marchi e alla dirigente scolastica Salvati, sempre disponibile e presente ai controlli, l’impegno di vigilare costantemente sui lavori fino alla loro conclusione ed il nostro augurio rimane quello che ai nostri bambini, alle insegnanti e a tutta Vaiano venga davvero consegnata una scuola sicura, duratura nel tempo e a misura di studente. Certo è che la strada scelta per arrivare a questo traguardo è stata la più tortuosa possibile”.

14 aprile 2016

Faccionotizia: l’informazione parte da te

Il Tirreno ti offre la possibilità di diventare autore delle notizie sul tuo territorio: per scrivere di cronaca, economia, sport, eventi e molto altro basta entrare a far parte della community. Non limitarti ad essere spettatore dei fatti che ti circondano, raccontali e fai sentire la tua voce!