Poggio a Caiano

“Morte bianca”, le spoglie di Rino Elia alla Misericordia di Poggio. Domani i funerali alla chiesa del S.S. Rosario.

Contributo di Alessandro Formichella

Dopo l'autopsia sul corpo, la Procura della Repubblica di Firenze ha dato il via libera alle esequie che si celebreranno domani pomeriggio nella Chiesa di Poggio a Caiano. "Rino" è deceduto la settimana scorsa in un incidente sul lavoro presso la Unilabel di Empoli.

Guerino Elia nel riquadro in alto. Nella foto il luogo a Empoli dove la settimana scorsa è avvenuto l'incidente mortale.

Il corpo di Guerino Elia chiuso dentro la bara, da stasera è alle cappelle della Misericordia di Poggio a Caiano in viale Aldo Moro. In quello stesso edificio che  Rino negli anni novanta aveva contribuito a costruire come carpentiere nella ditta del padre, con innovativi sistemi di costruzione per l’epoca. Dopo l’autopsia, avvenuta su richiesta del sostituto procuratore Christine Von Borries, titolare delle indagini, le spoglie di Rino, cosi lo chiamavano parenti e amici,  sono state trasportate nel tardo pomeriggio di oggi, mercoledi 11 ottobre, alla Misericordia poggese. Deceduto sul lavoro la scorsa settimana durante dei lavori di riparazione cadendo dal tetto della Unilabel di Empoli, nella zona chiamata il Pozzale, al momento l’unico iscritto nel registro degli indagati sarebbe il titolare della azienda, un etichettificio, che aveva richiesto i lavori. Il feretro domani pomeriggio si muoverà dalle cappelle della Misericordia poggese per giungere alla chiesa del S.S. Rosario di Poggio dove alle 16 si terranno i funerali. Sebbene originario di Crotone, il corpo dovrebbe essere tumulato nel cimitero di Poggio a Caiano, dove la famiglia vive in via dell’Erta e dove i figli sono cresciuti.

Faccionotizia: l’informazione parte da te

Il Tirreno ti offre la possibilità di diventare autore delle notizie sul tuo territorio: per scrivere di cronaca, economia, sport, eventi e molto altro basta entrare a far parte della community. Non limitarti ad essere spettatore dei fatti che ti circondano, raccontali e fai sentire la tua voce!