Montemurlo

“Aida è servita” chiude la stagione di prosa e la rassegna di teatro-ragazzi

Contributo di Fabiana Masi

Domenica 25 marzo doppio appuntamento in Sala Banti: alle ore 16,30 con uno spettacolo dedicato ai ragazzi, che chiude la rassegna “Ci vediamo a teatro!”, e la sera alle ore 21,15 la rappresentazione per gli adulti

Una scena di "Aida è servita"

 

 

Domenica 25 marzo doppio appuntamento con lo spettacolo “Aida è servita”, che di fatto chiude le due stagioni teatrali in programma alla Sala Banti, promosse dal Comune di Montemurlo con Fondazione Toscana Spettacolo: la prosa per adulti e la rassegna di teatro-ragazzi “Ci vediamo a teatro!”, giunta all’ undicesima edizione e realizzata in collaborazione con la compagnia “I Formaggini Guasti”.

Alle ore 16.30, dunque, l’appuntamento è per i bambini e le famiglie, mentre alle ore 21,15 per gli adulti e gli abbonati alla stagione teatrale in Sala Banti.

“Aida è servita” è l’opera lirica maggiormente impressa nell’immaginario collettivo in virtù di un’ambientazione esotica e meravigliosa che trova nella musica una forza travolgente che spalanca nel sogno. Il ricondurre Aida dalle tavole dei palcoscenici dei maggiori teatri del mondo alla misura di un semplice tavolo è una scommessa ardita, ma non irriverente: è una scommessa che vuol essere festosa, all’insegna di un approccio giocoso.

Il tavolo su cui prende vita la memoria del capolavoro verdiano è quello di un ristorante, dove tre avventori ingannano l’attesa delle portate che tardano ad arrivare trastullandosi con bottiglie, caraffe, bicchieri e quant’altro. Inseguendo le seduzioni del canto, i vari oggetti assemblati si trasformeranno nei protagonisti della storia: il Faraone, il Gran sacerdote Ramfis, la principessa Amneris, il generale Radames e naturalmente la schiava Aida e suo padre Amonasro, re degli Etiopi.

«Uno spettacolo sorprendente e originale chiude questa stagione di teatro a Montemurlo, che come sempre ci regala tanta soddisfazione in termini di presenze e di qualità degli spettacoli.- dice l’assessore alla cultura, Giuseppe ForastieroIl nostro pubblico ha avuto modo di apprezzare i più grandi interpreti del teatro italiano (Tullio Solenghi, Angela Finocchiaro, Ugo Dighero, Giuseppe Cederna…) in spettacoli intelligenti, divertenti, mai scontati». A l’assessore fa eco Mirko Gianformaggio dei Formaggini Guasti, che commenta l’undicesima rassegna di teatro ragazzi “Ci vediamo a teatro!”:«E’ stata un’edizione all’insegna della sorpresa, dell’originalità (d’altre parte, la messa in scena di “La tivvù che non c’è +” – nuovissima produzione della compagnia “i formaggini guasti” di Montemurlo – ne è stata una prova evidente). Allora, per chiudere il pubblico di “Ci vediamo a teatro” merita di godersi un altro spettacolo davvero fuori dall’ordinario, soprattutto se si parla di teatro “ragazzi”».

Aida è servita” è con Dino Arru (animatore), Raffaele Arru (animatore), Oliviero Pari (basso), Laura Scotti (soprano), Andrea Turchetto e Francesco Cavaliere (pianoforte), drammaturgia e regia Alfonso Cipolla, consulenza musicale Oliviero Pari, consulenza storica Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare, costruzione pupazzi Dino Arru

BIGLIETTERIA– Per vedere lo spettacolo il pomeriggio alle ore 16,30 nell’ambito della rassegna di teatro ragazzi “Ci vediamo a teatro”, si devono chiamare i Formaggini Guasti tel. 0574 651548 cell. 3282718519.

Per prenotare un biglietto per lo spettacolo della sera alle ore 21,15, nell’ambitodella stagione teatrale di prosa in Sala Banti, invece, occorre chiamare la segreteria del teatro tel. 392 4759365 dal lunedì al venerdì ore 10 – 13 email: biglietteriasalabanti@gmail.com

Faccionotizia: l’informazione parte da te

Il Tirreno ti offre la possibilità di diventare autore delle notizie sul tuo territorio: per scrivere di cronaca, economia, sport, eventi e molto altro basta entrare a far parte della community. Non limitarti ad essere spettatore dei fatti che ti circondano, raccontali e fai sentire la tua voce!