Montemurlo

Inaugurata la nuova piazza Amendola a Oste: bellezza, giochi e colori

Contributo di comunemontemurlo

Il disegno al centro della piazza parla di tessuto e lavoro. Questa mattina taglio del nastro della nuova area giochi, della sistemazione del giardino e dei vialetti. Spesi oltre 80 mila euro

Il taglio del nastro

Si è svolta questa mattina, sabato 7 ottobre, l’inaugurazione del restyling di piazza Amendola a Oste, alla presenza del sindaco Mauro Lorenzini, dell’assessore ai lavori pubblici, Simone Calamai, del comandante della tenenza dei Carabinieri, Quintino Preite, dell’ingegner Gennaro Senatore dei Vigili del Fuoco, del comandante della polizia municipale, Gioni Biagioni, dei rappresentanti delle associazioni locali e di tantissimi cittadini. A Oste, in piazza Amendola, il tessile ha intrecciato tante storie e tante vite. Sono quelle di chi, a partire dagli anni Sessanta, è arrivato qui da migrante prevalentemente dal Sud Italia – poi anche dal resto del mondo – in fuga dalla povertà, in cerca di lavoro. Quel lavoro che è riscatto sociale, speranza nel futuro, benessere. Non è quindi un caso che la pavimentazione della parte centrale della rinnovata piazza Amendola, cuore sociale della frazione, racconti emblematicamente questa storia e sia stata colorata con un disegno dal titolo: “Intreccio di tessuto”.«Il lavoro per noi è sempre stato elemento fondamentale per rilanciare il territorio e il disegno al centro della nuova piazza Amendola è un simbolo: rappresentata l’intreccio di trama e ordito dei tessuti e la crescita industriale del territorio, che oggi conosce un nuovo importante rilancio. Nel restyling della piazza abbiamo voluto, quindi, fare un qualcosa di moderno ma che sapesse parlare alle nuove generazioni del nostro passato. – ha detto il sindaco Mauro Lorenzini, intervenendo prima del taglio del nastro – Una piazza bella, vivibile e funzionale perché nel nostro Comune non abbiamo periferie ma tre frazioni e l’impegno dell’amministrazione è sempre stato quello della loro valorizzazione e qualificazione urbana. Oggi inauguriamo questa nuova piazza, nei prossimi mesi andremo a sistemare piazza della Libertà e quindi il centro cittadino, l’ex campo sportivo».
Un lavoro che ha visto un impegno economico dell’amministrazione comunale di oltre 80mila euro e che ha puntato alla riqualificazione e alla funzionalità di tutto lo spazio, per offrire alla cittadinanza un luogo aggregativo di qualità.
«Dopo la tempesta di vento del 5 marzo 2015, in piazza Amendola siamo stati costretti a tagliare molti pini. Come amministrazione comunale eravamo consapevoli che la piazza aveva la necessità di essere rinnovata nel suo volto e nella sua funzionalità. Per questo abbiamo pensato ad una serie di interventi di riqualificazione che potessero dare alla piazza una nuova vivibilità. Un luogo bello, funzionale,vivo, dove poter stare insieme, portare i bambini a giocare, dove fare feste ed eventi, nello spirito che la piazza ha sempre avuto. – ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici, Simone Calamai– L’intervento è un restyling e parte con l’intento di mantenere quella che era la forma della piazza, ma migliorando e rinnovando le funzioni delle varie parti dello spazio: il rinnovo dell’area per i bambini, che aveva giochi vecchi e non più utilizzabili, i vialetti con le nuove panchine, l’area centrale con la pavimentazione colorata. Inoltre sono stati aggiunti nuovi punti luce per consentire l’utilizzo della piazza in piena sicurezza anche nelle ore serali».
I LAVORI NEL DETTAGLIO – Gli interventi hanno riguardato l’area giochi per bambini, che è stata completamente rinnovata con altalene, scivoli, giochi a molla e il castello. Sotto a tutti i giochi sono stati sistemati i pannelli in gomma colata per garantire la sicurezza dei bambini in caso di caduta e per consentire una migliore pulizia dello spazio giochi.Inoltre, l’amministrazione comunale ha piantato una siepe “nana” lungo via Oste, una bordura verde per rendere lo spazio più bello e gradevole. Tutti i vialetti interni alla piazza sono stati poi sistemati ed è stato creato un nuovo ingresso da via Oste riprendendo la pavimentazione dello spazio in autobloccanti.
Al centro della piazza la pavimentazione in cemento industriale è stata abbellita con una resinatura in micro-cemento colorato con un disegno in tre colori, che rappresenta l’intreccio di trama e ordito del tessuto (“intreccio di tessuto) a ricordare la storia di lavoro e industrializzazione che ha dato vita alla crescita della frazione. Inoltre la fontanina della piazza è stata spostata di lato al nuovo ingresso da via Oste e abbellita da siepi e fiori. Attenzione anche all’arredo urbano e alla sicurezza. Nella piazza sono state sostituite tutte le panchine, i cestini getta carte e sono state aggiunte nuove lampade per illuminare zone che prima rimanevano in ombra. Su tutti i lampioni sono stati poi sostituiti i vecchi corpi illuminanti con lampade a led, che garantiscono luce e risparmio energetico; risistemata anche la colonnina dei due contatori elettrici, che l’attacco all’ energia elettrica in occasione di sagre e feste sulla piazza. Su via Oste, infine, è stata ritinteggiata la pista ciclopedonale e sono stati portati a termine i lavori di installazione della nuova pensilina dell’autobus che ha trovato posto sulla piattaforma, adeguata nei mesi scorsi, alla salita e alla discesa delle carrozzine per i disabili.
Tra le curiosità, le forbici per il taglio del nastro a forma di cicogna sono state donate da un artigiano di Oste, Mirko Russotto, che le realizza artigianalmente.Nelle foto alcuni momenti dell’inaugurazione con il taglio del nastro

Faccionotizia: l’informazione parte da te

Il Tirreno ti offre la possibilità di diventare autore delle notizie sul tuo territorio: per scrivere di cronaca, economia, sport, eventi e molto altro basta entrare a far parte della community. Non limitarti ad essere spettatore dei fatti che ti circondano, raccontali e fai sentire la tua voce!