Montemurlo

Mariangela Tempestini dei lavori pubblici va in pensione

Contributo di comunemontemurlo

Il sindaco Lorenzini ha salutato la dipendente che lascia l'incarico dopo 42 anni di lavoro

Nella foto, Mariangela Tempestini

Il sindaco di Montemurlo, Mauro Lorenzini, ha salutato Mariangela Tempestini, la dipendente del Comune che dallo scorso 1 agosto è in pensione dopo aver prestato 42 anni di servizio nell’ente. Mariangela Tempestini dal 2000 lavorava nel settore “lavori pubblici” come impiegata amministrativa, coordinando varie attività e procedimenti. Nata e residente da sempre a Prato, Mariangela era entrata a lavorare il 25 settembre del 1975, quando ancora Montemurlo era considerato un paesone di campagna, che stava conoscendo un rapido sviluppo industriale. Nel corso della sua carriera professionale, Mariangela ha ricoperto vari incarichi: prima nella segreteria del sindaco, poi alla segreteria generale e quindi all’ufficio igiene. Poi la proposta da parte dell’allora segretario comunale, Corrado Perruccio, di creare il nuovo “ufficio contratti e gare”, che Mariangela ha seguito con passione e visto crescere fino alla fine degli anni Novanta. Nel 2000 poi l’assegnazione all’ufficio lavori pubblici, dove Mariangela ha portato la sua profonda esperienza professionale e la sua dinamicità. Ben voluta e apprezzata da tutti i colleghi, ora Mariangela farà la nonna della piccola Emma a tempo pieno .« Va in pensione un’altra delle figure storiche del Comune di Montemurlo- conclude il sindaco Mauro Lorenzini – Ringrazio Mariangela per il prezioso contributo professionale che ha saputo dare in questi lunghi anni di servizio per la crescita dell’ente e le faccio, da parte mia e di tutta l’amministrazione comunale, i più cari auguri per una meritata pensione».

Faccionotizia: l’informazione parte da te

Il Tirreno ti offre la possibilità di diventare autore delle notizie sul tuo territorio: per scrivere di cronaca, economia, sport, eventi e molto altro basta entrare a far parte della community. Non limitarti ad essere spettatore dei fatti che ti circondano, raccontali e fai sentire la tua voce!