Montemurlo

Jolly Montemurlo: ceduti De Santis, Lumbombo Kalala e Pinzauti

Contributo di Emanuele Vattiata

Le notizie del mercato dei professionisti, appena concluso, confermano la partenza a titolo definitivo dei tre giocatori Biancorossi.

Pinzauti, vola verso Tuttocuoio. Foto Parisi

Grande valorizzazione degli uomini allenati da Mister Pino Murgia, che si ritiene soddisfatto e orgoglioso di aver centrato il punto fondamentale del lancio dei giovani. Kalvin Lumbombo Kalala classe ’98 viene ceduto al Carpi (serie B); Francesco De Santis sempre del 1998, passa al Prato, mentre il trasferimento che farà più discutere è quello del ’94 Lorenzo Pinzauti che si accasa al Tuttocuoio (Lega Pro). Il bomber pratese, in doppia cifra con 10 reti nel girone E della serie D, lascia il mondo dei dilettanti per approdare fra i professionisti. La soglia da varcare è quella che cambia totalmente il punto di vista di un giocatore e nonostante il peso dell’attaccante, in termini di valore, sia enorme per il Jolly Montemurlo, Mister Pino Murgia non è preoccupato, anzi, ritiene che queste grandi opportunità vadano colte nel momento in cui si presentano e altruisticamente motiva la cessione con grande entusiasmo. Certo la squadra andrà rivoluzionata, ma la nuova sfida sembra caricare ulteriormente il tecnico, già a lavoro per trovare le soluzioni tattiche per mantenere il Jolly Montemurlo squadra tosta e temibile. Certamente di grande spessore è anche la partenza di Kalvin Lumbombo Kalala che fa un salto doppio in avanti fino a Carpi, dove verrà inizialmente impiegato con la primavera, ma l’interesse attorno al giocatore è tale da destare l’attenzione anche in prima squadra. Nella trattativa dell’esterno francese arriva, sempre dal Carpi, Alessandro Faiola, classe ’98 attaccante esterno con esperienze precedenti con Spezia, Bologna e Juventus. Arrivano dalla Viterbese Castrense altri due giovani nati nel 1998, il centrocampista Andrea Corinti e l’attaccante Corrado Natali che raggiungono la società all’ombra della Rocca a titolo temporaneo. Francesco De Santis, meno impiegato nella prima fase del campionato, si è comunque distinto nelle gare disputate, tanto da essere prelevato dall’A.C. Prato.

Il cammino del Jolly Montemurlo si fa più arduo senza la qualità degli elementi ceduti, ma i giocatori rimasti e i nuovi arrivi, hanno la possibilità di sfruttare lo spazio a disposizione e la visione d’insieme mostrata da Pino Murgia può continuare a stupire con una squadra ancora più giovane.

Emanuele Vattiata 31/I/2017

Faccionotizia: l’informazione parte da te

Il Tirreno ti offre la possibilità di diventare autore delle notizie sul tuo territorio: per scrivere di cronaca, economia, sport, eventi e molto altro basta entrare a far parte della community. Non limitarti ad essere spettatore dei fatti che ti circondano, raccontali e fai sentire la tua voce!