Carmignano

La giuria di esperti che ha giudicato le sfilate

Dal blog di walterfortini

A festa finita il comitato ha svelato i nomi

CARMIGNANO. Fotografi, registi ed attori, insegnanti di recitazione e storia del teatro, scenografi, una giornalista ed un architetto pure e qualche altro professore. Eccoli i quindici esperti che hanno deciso chi fosse il migliore rione nella sfida del ‘teatro in strada’ del San Michele, vinta alla fine dal rione celeste: cinque giurati a sera, chiamati ognuno ad esprimere un giudizio senza consultarsi con gli altri, vedendo la sfilata una sola volta e con cinque punti obbligatoriamente da assegnare al primo, tre al secondo, due al terzo e uno al quarto.

A festa finita, come accade da qualche tempo, il comitato che organizza la festa ha svelato i nomi: gente più o meno del mestiere, selezionati da un’agenzia e tutti chiamati da fuori provincia, affinché il loro fosse un giudizio che non risentisse di alcuna influenza.

Sulle tribune si sono così alternati nell’edizione 2018 la fotografa Laura Menesini, il regista Giacomo Verde, l’attrice Donatella Bendinelli, l’insegnante di recitazione Antonio Branchi e la costumista Chiara Licheri, il fotografo Paolo Caivano, l’insegnante di storia Alessandra D’Aietti, la professoressa di storia Cristiana Querci, l’attore Francesco Nutini e la giornalista Cristiana Bedei, l’architetto Patrizia Pisaniello, la professoressa di storia e storia del teatro Alessandra Remoli, l’attore Andrea Faver, l’insegnante di recitazione e scenografo Franco Farina e la professoressa di storia del costume Bruna Niccoli.

“Rappresentazione di alto livello tecnico, emozionante e di grande coinvolgimento – ha scritto uno di loro – Tutto è curato nei minimi dettagli: dalla coreografia alle musiche, dalla recitazione ai costumi. Complimenti alla regia”. “Tutti i giurati sono rimasti a bocca aperta. Non avevamo mai visto il San Michele e non si aspettavano un spettacolo così – racconta Silvia Borsi, presidente del comitato che organizza la festa – Il vincitore dalla fine può essere solo uno, ma tutti i rioni meritano un grandissimo applauso”.

Leggi anche:
Il San Michele si tinge di celeste con la storia della bambina che sfuggì ai nazisti
Il San Michele scende in piazza: teatro e magia nella prima sera
L’albo d’oro della festa