Carmignano

Camion della nettezza abbatte il porticato rinascimentale della chiesa

Dal blog di walterfortini

E' successo a Carmignano, nel complesso parrocchiale che di solito ospita la VIsitazione del Pontormo. Il mese scorso era partita una raccolta di fondi per il restauro urgente dell'ex convento

CARMIGNANO. Tutta colpa di una marcia che non è entrata. E alla fine buona parte del loggiato rinascimentale è venuta giù. Un camion della nettezza urbana stamani ha abbattuto una colonna dell’accesso alla chiesa parrocchiale di Carmignano, quella che di solito ospita la celebre Visitazione cinquecentesca del Pontormo ma che da alcune settimane non c’è, in prestito per almeno un anno per una mostra a Palazzo Pitti e poi in America.

E’ successo con il primo giro di raccolta dei rifiuti, attorno alle sei della mattina. Il mezzo stava facendo manovra nello slargo in cima alla salita che dal centro del paese risale verso la chiesa. All’inizio si è appoggiato su una delle colonne del porticato. Poi la retromarcia ha continuato a non entrare, il camion ha fatto uno scatto in avanti e assieme alla colonna si è portato via anche buona parte del tetto, che è collassato. Fortunatamente nessuno in quel momento passava là sotto: è la via prediletta dai bambini che vanno a scuola. Sano e salvo anche l’autista di Alia, che è riuscito ad uscire da solo dal mezzo ed allontanarsi abbastanza velocemente dalla gran nube di polveri che si è creata, ora sotto osservazione all’ospedale. I danni però rimangono, cospicui ed evidenti, e stamani la polizia municipale ha avuto il suo bel fare per regolare l’accesso di auto e pedoni nel viale Parenti, che parte proprio dalla chiesa e dove si trovano la scuola media e primaria del paese.

Oltretutto, è proprio il caso di dirlo, piove sul bagnato. Il complesso architettonico della chiesa parrocchiale di Carmignano ha bisogno da tempo infatti di cure urgenti. Per la messa in sicurezza e il restauro dell’ex convento francescano fondato nel 1211 da Bernardo da Quintavalle ma che nel corso dei secoli è stato più volte rimaneggiato, tre anni fa si parlava di un milione e quattrocentomila euro. Una cifra da far tremare i polsi. La tournée in America della Visitazione era stata organizzata anche per raccogliere fondi, attraverso un’operazione di crowdfunding. Ora ne serviranno ancora di più.

“Si tratta di una ferita per tutta la comunità, anche quella più laica che non frequenta il luogo per le funzioni religiose – commenta a caldo il sindaco di Carmignano Edoardo Prestanti, stamani subito sul posto – E’ la ‘casa’ della Visitazione, che è un po’ il simbolo del Comune, e un complesso monumentale importante, antico e prezioso”. “Per questo – sprona il primo cittadino – è una ferita che va sanata subito, evitando di cadere in lungaggini burocratiche”. Alle dieci di stamani a Carmignano erano già arrivati i funzionari della Soprintendenza. Tendenzialmente si escluderebbero danni ulteriori all’interno dell’edificio. Nel pomeriggio l’amministrazione comunale farà il punto con tutti gli enti interessati, compresa la parrocchia che è proprietaria dell’immobile, e forse arriveranno le prime stime sui danni e i tempi necessari per la messa in sicurezza e il ripristino.

Il parroco, don Claudio Ciurli, non era nella sua abitazione di fianco alla chiesa stanotte. Ieri era andato a trovare i genitori a Pisa e in mattinata, informato dell’accaduto, si è precipitato velocemente a Carmignano. “Non ci sono parole – commenta – e l’unica consolazione è che nessuno alla fine si sia fatto male. Il danno però rimane ed è grosso”. A sentire per primi il boato che stamani ha accompagnato il crollo del loggiato è stata la perpetua e una signora che abita accanto, all’inizio della via. “Sembrava una bomba” raccontano. Poi una spessa coltre di polvere rossa ha avvolto tutto.