Carmignano

Fiera di Carmignano, bilancio positivo per gli organizzatori

Dal blog di walterfortini

Nonostante il freddo il pubblico non è mancato. "Una festa a misura di famiglia"

Alcuni degli animali in mostra durante la fiera

CARMIGNANO. Un tripudio di colori e di sorrisi. Sono soddisfatti in Comune e alla Pro Loco per i quattro giorni di fiera oramai alle spalle: la sera del 1, il 2 e 3 dicembre e poi martedì 5, fiera dei carmignanesi. La festa, che è un po’ la tavola imbandita di Carmignano e del Montalbano, l’appuntamento prima delle feste in cui il centro del capoluogo si trasforma in una vetrina per i prodotti più tipici del territorio, è andata bene. E ora c’è il dopo fiera, con altri tre giorni di iniziative.

“Sono stati quattro giorni in cui Carmignano si è riempita di tantissime persone, adulti ma soprattutto molti bambini” sottolinea il sindaco Edoardo Prestanti. Al sabato il freddo a dire il vero ha intimidito molti. Ma poi la domenica – con oltre settecento visitatori, dicono gli organizzatori, misurati a spanna – in tanti hanno preso coraggio. E così quattro giorni si sono riempiti di gente e iniziative, tra veglie con delitto dedicate al Pontormo e alla Visitazione cinquecentesca che è uno dei capolavori assoluti del territorio, animali da cortile e da stalla che sono tornati a far capolino quest’anno nell’aia dell’ex Santa Caterina, i banchi carichi di leccornie, chicchi e brigidini, le macchine agricole e i falconieri, l’olio, il vino e tanti altri prodotti, ma anche il teatro in vernacolo, il teatro ‘ sociale’ della cooperativa Humanitas, gli spettacoli dei falconieri, il mercato dell’antiquariato e quello della solidarietà dei genitori delle scuole che hanno preparato anche bruciate e vin brulè, e poi le conferenze sul vino, sulla tutela dell’ambiente e l’incontro sul futuro urbanistico del Santa Caterina.

“Una fiera bella e sorridente” commenta soddisfatta l’assessore alla cultura, Stella Spinelli – che non poteva avere una conclusione migliore che quella di veder ballare insieme i nostri bambini con i ragazzi seguiti dall’Humanitas, un momento veramente emozionante”.

“Meglio di così non poteva andare – conclude Carlo Attucci, presidente della Pro Loco di Carmignano -. Quest’anno abbiamo voluto fare un salto indietro nel tempo, per far emergere le vecchie tradizioni. Ed ora c’è l’8 dicembre, con ‘Io creo! Natale’, la mostra mercato dell’arte e dell’ingegno al femminile ma anche molto altro”.