Carmignano

Otto ore su e giù per il Campano, vince Giusti

Dal blog di walterfortini

E' stata un successo l'ultramaratona che si è corsa a Carmignano il 1 ottobre

Di corsa sulle mura del Campano a Carmignano

CARMIGNANO. Otto ore di corsa attorno al vecchio castello conteso nel Medioevo tra fiorentini e pistoiesi, ma con una particolarità: in questo caso non vince chi passa per primo sotto il traguardo ma chi, allo scoccare esatto dell’ultimo minuto dell’ottava ora, ha percorso più strada. Ed ha vinto Daniele Giusti, che ha macinato quasi 73 chilometri.

A Carmignano, lungo ed attorno alle mura della Rocca, si è corsa sabato scorso, 1 ottobre, “Ottore”, la manifestazione oramai giunta alla quarta edizione, organizzata anche quest’anno da Samuel Bellin e che ha riscosso un grande successo. Gli atleti stavolta sono passati anche a ridosso dell’antica torre campanaria, che scandiva un tempo il lavoro nei campi. Ben cinquantacinque ultramaratoneti si sono sfidati, in crescita rispetto alle passate edizioni nonostante le previsioni meteo non fossero le migliori, in mezzo ad un panorama mozzafiato con la villa medicea dai cento camini su un lato, la cima del Montalbano un poco più in là e tutta la piana tra Firenze, Prato e Pistoia ai piedi, con la cupola del Brunelleschi a far capolino.

La gara è stata vinta appunto dallo stratosferico Daniele Giusti, che in otto ore, dalla mattina al pomeriggio, ha percorso quasi 73 chilometri. Non da meno è stato Marco Tomà delle Alpi Apuane, appena due chilometri in meno. Ad Amedeo Ciarlelli da San Miniato è andato il terzo posto. Tra le donna hanno invece dominato, alla pari, Stefania Caimmi e Ilaria Razzolini. A circa un chilometro e mezzo di distanza si è piazzata Cristiana Dipierantonio della Golden Rimini.

La “Sei ore”, ovvero la gara un po’ meno impegnativa, è stata invece vinta dal San Marinese Aroldo Broccoli, seguito dalla prima donna classificata (e giunta seconda assoluta) Valeria Empoli. Terzo è stato Adriano Arzenton e quarto Jacopo Di Michele, a seguire la seconda donna classificata Rossana Turchi e la terza Francesca Brachi. I partecipanti della sei ore sono andati veramente molto forte, poiché ben otto atleti su dieci sono andati oltre la distanza di una classica maratona. La “due ore” è stata vinta da Savino Lasorsa degli Amatori Policoro seguito dai due compagni di squadra della Stanca Roberto Barbi e Sandro Marotta.

Stanco, ma soddisfatto, l’organizzatore Gianfranco Bellin ringrazia tutti: i tanti che hanno partecipato, l’assessore allo sport Stefano Ceccarelli che ha creduto alla manifestazione, il Comune che ha messo a disposizione la palestra per gli atleti in cerca di un pernottamento gratuito, gli sponsor e la famiglia, parte integrante della manifestazione e del ristoro offerto agli ospiti. Ed ora già al lavoro per la prossima edizione.