Vaiano, Vernio, Cantagallo

Sicurezza idraulica, in Valbisenzio interventi per 5,5 milioni di euro in 5 anni

Dal blog di fabriziaprota

Sono stati effettuati dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno insieme all’Unione dei Comuni dal 2014 ad oggi e finanziati per il 2019. Sul totale, 3,6 milioni vengono da fondi regionali Psr. Tra i lavori, il ripristino di briglie, il consolidamento di frane, la risistemazione di alcuni torrenti e delle sponde del Bisenzio a Ponte di Colle e Cangione

Il consolidamento di una briglia in un torrente della Valbisenzio (lavori 2018)

VALBISENZIO. Cinque milioni e mezzo di euro in 5 anni per la prevenzione del dissesto idrogeologico e la cura del reticolo idrografico. Sono i lavori effettuati (e finanziati) in Valbisenzio dal 2014 al 2019 dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno insieme all’Unione dei Comuni. Gli interventi sono stati possibili grazie al contributo di bonifica, per circa 2,1 milioni di euro, e ai finanziamenti regionali del Psr – Programma di sviluppo rurale, per 3,6 milioni.

«Le risorse sono state diffuse sul territorio – spiega il presidente del Consorzio Marco Bottino – raggiungendo anche zone in cui non era mai stato nessuno – con la legge regionale 79 del 2012, che assegna al Consorzio anche la gestione dei fossi che competevano ai cittadini “frontisti”, il reticolo idrico della Valbisenzio è quintuplicato –. La manutenzione ordinaria era stata trascurata per qualche decennio, per mancanza di risorse e l’abbandono del territorio. Era perciò necessario investire qui, dove c’era più bisogno».

Il fondi provenienti dal contributo di bonifica (di più del totale versato dai soli cittadini della Valbisenzio, pari a 300.000 euro l’anno) sono stati utilizzati, oltre che per personale, sportello e spese amministrative, per la manutenzione ordinaria di fiumi e torrenti – come il taglio e lo sfalcio degli alberi negli alvei e sulle sponde – e per interventi straordinari su alcune criticità, come il ripristino delle numerose “briglie” che riducono la velocità dell’acqua e quindi la sua capacità erosiva.

I fondi Psr hanno permesso invece il consolidamento di frane, il ripristino delle sponde del Bisenzio a Ponte di Colle e in Cangione e la risistemazione dei torrenti rio Trescellere, Bronia, Scalai, Secco e Casanuova a Vaiano, rio Allese, Gricigliana e Codilupo a Cantagallo e rio Bragola e Carbonale a Vernio.

«Siamo soddisfatti degli interventi, realizzati anche grazie al lavoro dei nostri uffici – commentano i sindaci della Valbisenzio Primo Bosi, Giovanni Morganti e Guglielmo Bongiorno –, che mettono in sicurezza una parte importante del nostro territorio, lavorando sulla prevenzione».