Vaiano, Vernio, Cantagallo

È passata dalla Valbisenzio la ciclostaffetta “A Roma per Giulio”

Dal blog di fabriziaprota

I sindaci Morganti e Bosi in bicicletta hanno accolto e accompagnato i ciclisti, in viaggio verso Roma per chiedere verità per il giovane ricercatore. In tanti si sono uniti alla pedalata

I tre ciclisti di "A Roma per Giulio" in via Braga a Vaiano

VALBISENZIO. Ha fatto tappa anche a Vernio e a Vaiano, lungo il percorso per Roma, ieri, venerdì 28 settembre, la ciclostaffetta “A Roma per Giulio”. In Val di Bisenzio sono arrivati i 3 ciclisti, partiti il 22 settembre da Duino/Fiumicello in provincia di Trieste, il paese di Giulio Regeni, con l’obiettivo di arrivare a Roma il 3 ottobre. La loro missione è consegnare nelle mani delle maggiori istituzioni nazionali la lettera della famiglia Regeni, nella quale si riassumono i risultati raggiunti e si chiedono ulteriori azioni per ottenere la verità su ciò che è realmente successo nel gennaio di due anni fa in Egitto. L’iniziativa fa parte della campagna del comitato Verità per Giulio Regeni.

I sindaci di Vernio Giovanni Morganti e di Vaiano Primo Bosi, anch’essi in sella alle biciclette, hanno accolto i ciclisti al ponte di Rasora, che segna il confine fra Emilia Romagna e Toscana, poi hanno percorso con loro la strada fino a Vernio, dove si è svolto, in piazza a San Quirico, un breve incontro pubblico. Poi il gruppo si è spostato a Vaiano, via Braga e piazza Galilei, termine della tappa. Qui il secondo incontro e la cena alla Casa del Popolo. Un tripudio di giallo la piazza di San Quirico a Vernio, via Braga e la piazza Galilei a Vaiano per testimoniare il sostegno al Comitato e all’iniziativa. Molti i ciclisti che si sono uniti al gruppo insieme ad amministratori e rappresentanti di associazioni del territorio.

All’evento hanno aderito tutti i Comuni della provincia, oltre all’ANPI, alla CGIL, all’ARCI, al Consiglio comunale dei ragazzi alla Sartoria di Vaiano e alla Pubblica Assistenza di Vaiano. L’iniziativa A Roma per Giulio vede impegnati i tre staffetisti di FIAB MonfalconeBisiachinbici, l’associazione che ha ideato e realizza l’evento per coinvolgere i Comuni che verranno attraversati dal percorso, ma anche il mondo associativo, del volontariato, le scuole e tutti coloro che vorranno aderire e supportare l’iniziativa (scrivere aciclostaffettapergiulio@gmail.com).

Oggi la ciclostaffetta è ripartita da Vaiano per la tappa fiorentina, che ha come obiettivo la mostra Firenze Libro Aperto. Ad accogliere i ciclisti ci sarà anche Sergio Staino che ha disegnato il logo dell’iniziativa.